Prestito Personale

Prestito Personale: cosa è!

Per Prestito Personale si intende una forma di finanziamento che consente di ottenere del denaro per qualsiasi necessità di acquisto o per liquidità e, visto che non si tratta di un prestito finalizzato all’acquisto di uno specifico bene o servizio, la liquidità che ne deriva si può spendere in piena libertà, senza alcuna giustificazione sull’utilizzo del finanziamento.

Si tratta comunque di classico prodotto finanziario di Credito al Consumo o come meglio lo definisce la Banca d’Italia, di un prodotto di Credito al Consumatore. Questa seconda definizione sposta correttamente l’obiettivo del Prestito Personale, dal finanziamento necessario all’acquisto di beni o servizi specificati all’atto della richiesta di finanziamento, alla erogazione di una disponibilità in denaro per soddisfare generiche esigenze di liquidità.

Caratteristiche generali del Credito ai Consumatori

Il Prestito Personale prevede il finanziamento di una somma prefissata, ad un tasso di interesse fisso, con dei costi preventivamente definiti, rimborsabile secondo un piano di reintegro del denaro finanziato in rate costanti e periodiche.

Trattandosi di un prestito non finalizzato, i soggetti interessati all’operazione sono l’Istituto Finanziatore ed il Consumatore Richiedente, e se la richiesta di finanziamento è accettata, il contratto si conclude direttamente tra queste due controparti, che sono le uniche interessate. L’erogazione della somma da parte dell’Istituto Finanziatore, avviene direttamente nelle mani del Consumatore Richiedente.

Per quanto riguarda gli oneri dell’operazione, i costi e le commissioni di un Prestito Personale in generale comprendono: le spese per l’apertura della pratica, quelle per la gestione del finanziamento e quelle per eventuali assicurazioni e/o imposte. Alcuni di questi costi sono di natura variabile in funzione della somma richiesta, altri sono di natura fissa ed incideranno di più se l’ammontare richiesto e basso, pesando di meno se spalmati su un importo richiesto più alto.

 

L’ammontare delle commissioni e dei costi, fissi e variabili, formano il costo totale del finanziamento

 

I soggetti che erogano questo tipo di finanziamento, sono Banche o Società Finanziarie Specializzate ed è evidente che, dal punto di vista dell’Istituto Finanziatore, la mancanza di un bene o di un servizio che possa avere funzione di garanzia, a fronte dell’insolvenza del debitore, renda il Prestito Personale un prodotto finanziario considerato piuttosto rischioso.
Ed è per questa ragione che in alcuni casi, per porre un limite al rischio di insolvenza del debitore, gli Istituti Finanziatori sottopongono ai Richiedenti la stipula di un Contratto che prevede delle forme di garanzie: le più comuni sono la cambializzazione delle rate, la firma di un coobbligato che si faccia garante del buon esito del finanziamento oppure la sottoscrizione di un prodotto assicurativo a garanzia del Prestito Personale.

Quali sono i vantaggi di affidarsi ad un Consulente Finanziario?

Affidarsi ad un Consulente Finanziario, significa dare un incarico molto importante ad un professionista del credito che mira agli interessi del Cliente. Trovare la migliore soluzione, quella più adatta a lui, sarà il suo l’obiettivo. Oggi il mondo dei Prestiti Personali o meglio del credito in generale è ricco e vario e molti sono i prodotti che gli Istituti Finanziari offrono. Di conseguenza i Clienti non possono esserne a conoscenza, e spesso capita di affidarsi solamente alla propria banca, o alle “classiche” finanziarie.

Oggi grande attenzione si deve prestare ai tassi d’interesse ed alle soglie di usura. Il Cliente, tramite il Consulente Finanziario, non perderà il suo tempo e troverà tutto questo.

Gli elementi del contratto di Prestito Personale

Il Contratto di Prestito Personale è l’accordo con il quale vengono stabilite le condizioni generali secondo cui l’Istituto Finanziatore, concedono una somma di denaro certa, ad un soggetto, il Richiedente, che si impegna a restituirla in un periodo di tempo predeterminato mediante una forma di pagamento rateale. E’ sottoscritto da entrambe i contraenti ed è una fase talmente importante del Prestito Personale, che il modo in cui è redatto e ciò che deve contenere sono previsti da specifiche normative. Ciascuna delle parti, ciascuno per la sua parte, devono, l’una dichiarare con precisione e trasparenza le condizioni effettive della propria offerta (la Banca o la Società Finanziaria Specificata), l’altra (il Richiedente) deve ratificare l’impegno al rimborso del prestito nelle modalità previste dal contratto.

Al momento della stesura di un Contratto ti Prestito Personale, il pieno rispetto della normativa è si a tutela dell’Istituto Finanziatore, ma principalmente a tutela del Richiedente che deve essere pienamente cosciente delle caratteristiche e dell’onerosità del finanziamento che sta per sottoscrivere e dell’onere che sta assumendo.

Gli elementi che la legge ritiene obbligatori nella stesura di un Contratto di Prestito Personale, sono:

  • il tipo di finanziamento;
  • l’ammontare del Prestito Personale;
  • le modalità del finanziamento;
  • il numero, gli importi e le scadenze delle singole rate;
  • il TAN (Tasso Annuo Nominale);
  • il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale);
  • il dettaglio espresso in maniera trasparente delle condizioni che possono portare ad una modifica del TAEG;
  • le descrizioni e gli importi degli oneri esclusi dal TAEG;
  • le eventuali garanzie richieste;
  • le eventuali coperture assicurative richieste ed escluse dal TAEG.

Queste prescrizioni sono obbligatorie nella stesura del contratto e sono tassative nell’applicazione, al punto che la mancanza o la mancata osservanza anche di una sola delle condizioni suddette, comporta la decadenza del contratto stesso.

Mancato rimborso di una rata

Il mancato pagamento da parte del Richiedente anche di una sola rata del Prestito Personale, comporta una maggiorazione degli interessi causati dall’applicazione delle more, il rischio che il proprio nominativo risulti segnalato presso le Centrali Rischi (si tratta di Enti di Tutela del Credito, che condividono informazioni sui soggetti morosi) ed il rischio che l’Istituto Finanziatore possa, unilateralmente, risolvere il contratto. A quel punto il Richiedente sarà tenuto al pagamento di tutti gli oneri bancari e di tutti i costi sostenuti dall’Istituto Finanziatore per il recupero delle somme dovute, e di ogni eventuale penale prevista dal contratto di Prestito Personale.

Estinzione anticipata del Prestito

Come ho già detto precedentemente, Il Prestito Personale è un tipo di finanziamento che può diventare anche particolarmente oneroso al punto che, ad esempio anche l’estinzione anticipata del finanziamento, costa! Infatti, nella eventualità che il Richiedente voglia esercitare l’opzione di estinguere il Prestito Personale in anticipo, rispetto al termine concordato nel contratto, oltre al capitale residuo ancora dovuto, dovrà farsi carico di una penale che a norma di legge non può superare l’1% dell’importo finanziato.

Criteri di valutazione delle richieste di un Prestito Personale

I vari Istituti Finanziatori hanno approcci diversi nella valutazione delle richieste dei Prestiti Personali, ma sostanzialmente prima dell’erogazione vengono valutati alcuni criteri propri di questo tipo di finanziamento.

Innanzitutto la politica di rischio di ciascun Istituto è in funzione delle esperienze di erogazione di questo tipo di finanziamento. Le statistiche relative alle insolvenze (credit scoring) sono di aiuto nel mantenere il rischio sotto determinati livelli. Ogni valutazione è strettamente legata al livello di reddito personale o familiare ma anche all’ammontare della rata di rimborso a carico del Richiedente. Infine, molta importanza è data dall’affidabilità creditizia del Richiedente mediante la quale ogni Istituto Finanziatore cerca di valutare il livello di rischio connesso ad ogni richiesta, spesso utilizzando i rapporti delle “Centrali Rischi“, dai quali si esamina in dettaglio la storia creditizia del soggetto che ha effettuato la richiesta di Prestito Personale.

Vale la pena di ricordare che non si tratta di una valutazione sulla moralità dell’eventuale creditore, ma la sintesi della storia creditizia pregressa, relativa ai rapporti fra il Richiedente e gli Istituti Finanziatori presso cui ha intrattenuto precedenti rapporti finanziari.

Scelta delle varie condizioni economiche

Nella scelta di un Prestito Personale è bene valutare le diverse offerte esaminando non solo l’importo della rata ma anche i costi complessivi, dettagliati nei preventivi di ciascun Istituto Finanziatore, e spesso non è facile districarsi tra importo erogato, interessi, oneri accessori, spese iniziali o costi assicurativi. Due degli elementi su cui porre maggiore attenzione sono: il TAN ed il TAEG.

TAN

Il TAN (Tasso Annuo Nominale)  è il tasso di interesse su base annua, applicato nelle operazioni di finanziamento dagli Istituti Finanziatori, che sono obbligati per legge a dichiararlo nei Contratti finanziari. Si tratta di un tasso di interesse, che indica in percentuale il reale costo, cui deve far fronte il Richiedente, per poter avere la disponibilità immediata di una somma di denaro, da restituire in un intervallo di tempo certo (rateizzazione). Il TAN inoltre, non tiene conto degli oneri aggiuntivi ed accessori connessi all’operazione finanziaria stessa.

TAEG

Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) rappresenta su base annua ed in forma percentuale con due cifre decimali, l’ammontare complessivo del Prestito Personale. Nel TAEG confluiscono oltre al tasso di interesse anche gli oneri globali dell’operazione, che sono a carico del debitore e solitamente a un valore superiore al TAN. Non a caso, nelle varie offerte promozionali di finanziamento, il TAN risulta chiaramente individuabile, mentre al TAEG in molti casi viene dedicata scarsa visibilità, pur rispettando l’obbligo di indicarlo.

La nostra normativa nazionale consente, in presenza di alcune condizioni, una certa discrezionalità nel calcolo del TAEG. Questa opportunità offerta agli Istituti Finanziatori, comporta che si possono includere o non includere alcune voci di spesa, porto solo ad esempio le eventuali spese assicurative, se facoltative, che possono essere escluse dal calcolo del Tasso Annuo Effettivo Globale.

Come Consulente Finanziario, il mio ruolo è fondamentale nella stipula di un Prestito Personale.  Il mio compito è guidare il Cliente nella scelta e nell’approccio con gli Istituti di Credito e consolidarne il rapporto.
Nel primo step, analizzo il bisogno o la finalità richiesta dal mio Cliente, ne studio i requisiti e la situazione reddituale, effettuando un screening iniziale della pratica.

Successivamente analizzo le politiche di credito e di rischio degli Istituti Finanziari e trovo il miglior prodotto che il mercato finanziario offre.

Quindi guido il mio Cliente dalla fase di approccio e fino alla firma del Contratto, valutando con lui tutti i costi da sostenere.

Al contrario degli Istituti Finanziari, per i quali un cliente è soltanto un numero di matricola o di contratto, per me il Cliente è di vitale importanza. Infatti dopo la conclusione del Contratto, per me, il lavoro non finisce. Sono sempre alla ricerca di un prodotto con migliori condizioni da proporre al Cliente per sostituire quello precedentemente stipulato.

Il mio Cliente deve sapere che può sempre contare su di me!

PRESTITO PERSONALE

Questa tipologia di finanziamento è rivolto a:

  • lavoratori dipendenti;
  • lavoratori autonomi;
  • liberi professionisti;
  • pensionati.

CARATTERISTICHE

  • Importi da 1.500 a 30.000 Euro;
  • rata e Tasso fissi per tutta la durata;
  • rimborsi tramite RID bancario – bollettini postali;
  • durata personalizzabile tra i 18 ed gli 84 mesi;
  • erogazione dell’intero importo in 3/4 giorni dall’accettazione.

REQUISITI PRINCIPALI

  • Età compresa tra 18 e 72 anni.
  • buona posizione creditizia (nessun protesto né segnalazione);
  • con altri finanziamenti in corso;
  • rata cedibile fino a 1/3 dello stipendio;
  • anzianità lavorativa minima : 12 mesi dipendenti, 24 mesi autonomi.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per fornire alcuni servizi. Cliccando sul bottone "OK, accetto ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi